Promozione Sconto 5€ sul primo acquisto! Codice Coupon: BENVENUTO01
Carrello 0
0
CARRELLO
PROFILO

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

ALICATT FS 4

9,80

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello

Spedizione prevista entro 5gg lavorativi dalla ricezione dell'ordine.

SKU Tisana 59
Spese di spedizione: GRATIS
Consegna prevista entro Lunedì 26/02


L'antica tradizione erboristica ci ha insegnato l'estrazione dei principi attivi dalle piante mediante infusione in acqua ed il loro impiego per un quotidiano gesto di benessere. Tisana contro l'alitosi.

EFFETTI Combatte l'alito cattivo.
INDICAZIONI
MODO D'USO Infuso, dose standard: Un cucchiaio della miscela in ¼ di acqua bollente. Lasciar riposare con coperchio per cinque minuti. Filtrare. Il liquido ottenuto va consumato in giornata. Aumentare o diminuire la dose in caso di bisogno.
INGREDIENTI Tisana a base di Ginepro, Menta, Camomilla e Basilico.



 

VUOI SAPERNE DI PIU'?

INGREDIENTI

  • Ginepro: «Il ginepro ha numerose virtù: è stomachico e masticarne le bacche facilita la digestione, è un antisettico naturale per le vie urinarie e respiratorie (utile per la cura della calcolosi urinaria, per sedare la tosse o come espettorante) e ha proprietà antireumatiche, spesso infatti l'olio essenziale di ginepro viene usato per massaggi. Massaggiare il corpo con olio di ginepro aiuta a rilassare i muscoli contratti, a previene i crampi e a tonificare i tessuti connettivi. Il ginepro è sempre stato considerato dalla medicina popolare un rimedio naturale per la cura di diversi disturbi e nel XIX secolo l'abate tedesco Sebastian Kneipp suggeriva ai malati di influenza di avvolgersi in una coperta riscaldata ai vapori di una pentola in cui venivano fatti bollire bacche e rami di ginepro. »
    Per la salute: « La medicina popolare attribuisce altissimo valore curativo all'olio ottenuto dalla distillazione dei coni e e ne ipotizza grandi doti come rimedio per:
    disturbi digestivi
    malattie respiratorie
    malattie delle vie urinarie
    malattie reumatiche
    Non sono negabili almeno blandi effetti per tutte queste indicazioni, d'altronde i rischi di un uso prolungato e/o altamente dosato sono significanti. »
    Interazioni: «Possibili interazioni con ipoglicemizzanti orali e diuretici.»

  • Menta: «La Menta viene usata in fitoterapia ad uso interno per le sue proprietà: antispasmodiche, analgesiche, carminative, coleretiche ed antisettiche, mentre per uso esterno vanta proprietà: aromatizzanti, rinfrescanti, analgesiche, antipruriginose ed antinfiammatorie. »
    Per la salute: « Per via dei principi attivi contenuti nella menta, ad essa vengono attribuite proprietà cicatrizzanti e disinfettanti. È utile in caso di disturbi gastro-intestinali, aiuta il funzionamento del fegato e favorisce la digestione. Contiene mentolo, vitamina C, sostanze antibiotiche, limonene e isovalerianato. La menta, sotto forma di tisana o dei relativi preparati erboristici, può essere d'aiuto in caso di diarrea e disturbi gastrici. Può coadiuvare il trattamento di disturbi come tosse e raffreddore, per via delle sue proprietà sedative e spasmodiche. Il mentolo che essa contiene è considerato un vasodilatatore per la mucosa nasale. L'impiego di prodotti e preparati contenenti menta e mentolo potrebbe interferire con le cure omeopatiche. È consigliabile consultare il proprio medico in proposito. »

  • Camomilla: «Le proprietà della Camomilla Romana sono simili a quelle della Camomilla Volgare, anche se rispetto alla seconda, si usano concentrazioni più basse dei principi attivi. Dall'aroma fine e spiccato, trova valido impiego nell'industria dei vermouth, vini e liquori di erbe. Proprietà terapeutiche: amaro-toniche, digestive, antispasmodiche, antielmintiche e come disinfettante del cavo orale. Per la sua attività antispasmodica è usata contro i dolori mestruali.»
    Per la salute: «Uso interno: Svolge funzioni sull'apparato digerente: gastriti croniche e coliti; atonia gastrica; coliche intestinali; pesantezza post-prandiale. Allevia i dolori mestruali. Placa l'eccitazione nervosa e l'insonnia. Uso esterno: Sedativo topico, calma il dolore cutaneo dovuto a eritemi, ustioni ed altre affezioni della pelle, di solito è utilizzata in preparazioni oleose. La pianta di Anthemis è caratterizzata da una spiccata azione sedativa cutanea. L'estratto fluido trova valido impiego nelle congiuntiviti. Per l'azione antibatterica e sfiammante si utilizza in soluzione per il lavaggio di ferite. È inoltre efficace come colluttorio. L'olio di Camomilla Romana può essere impiegato per frizioni contro i dolori articolari, le nevralgie e le coliche epatiche.»
    Interazioni: «Amari, FANS, farmaci potenzialmente gastrolesivi. Ipersensibilità accertata verso uno o più componenti ed alle Asteraceae. »

  • Basilico: «Oltre alle rinomate proprietà aromatiche che lo rendono prezioso in cucina, il basilico usato in Aromaterapia dimostra un discreto potere stimolante e eccitante. Il suo olio essenziale viene indicato nei casi di affaticamento nervoso, di surmenage intellettuale e nelle insonnie di tipo nervoso. Si rivela inoltre efficace nella risoluzione di digestioni difficili, di spasmi gastrici e intestinali e nelle emicranie di origine nervosa o digestiva. Anti-spasmodico, stati post-infettivi, epatiti virali, infezioni virali, poliomielite. Alcune gocce diluite, nel naso servono contro il raffreddore di testa e la perdita dell'odorato (anosmia). N.B. Diluire sempre l'olio essenziale. viene usato anche per: Acufeni, Ansia, Asma, Astenia, psichica, Astenia fisica, Bronchite, Capelli deboli, Cefalea, Concentrazione difficile, Corizza, Crescita lenta dei capelli, Deliquio, Depressione, Dispepsia, Disturbi mestruali, Dolori muscolari, Emicrania, Enfisema polmonare, Epilessia, Febbre, Flatulenza, Geloni, Gotta, Inappetenza, Insonnia, Isterismo, Mal d'orecchio, Malattie infettive, Nausea, Nervosismo, Otite, Paralisi, Pertosse, Polipi nasali, Punture d'insetti, Raffreddore (cronico), Reumatismi, Singhiozzo, Sinusite, Spasmi gastrici, Surmenage psicofisico, Tosse convulsa, Vomito. »
    Per la salute: «Come pianta medicinale, le foglie e le sommità fiorite vengono utilizzate per preparare infusi ad azione sedativa, antispastica delle vie digerenti, stomachica e diuretica, antimicrobica, antinfiammatoria. Il basilico è utilizzato anche contro l'indigestione e come vermifugo. Come collutorio è indicato contro le infiammazioni del cavo orale. L'olio è utilizzato per massaggiare le parti del corpo dolenti o colpite da reumatismi. Per via di questi benefici, il suo uso si è propagato dall'Africa alla medicina tradizionale in Brasile. La medicina ayurveda assegna inoltre diverse proprietà all'Ocimum tenuiflorum, o basilico sacro.»

PROPRIETÀ

  • CARMINATIVE
  • COLERETICHE
  • ANTISETTICHE
  • AROMATIZZANTI
  • RINFRESCANTI
  • ANALGESICHE
  • INDICAZIONI

    L'alito cattivo può essere causato da denti cariati, stomatiti, angine, gastriti, cattivo funzionamento della digestione ecc. Individualmente la causa è compito del medico, i rimedi suggeriti sono sintomatici, cioè devono trattare la causa. La tisana svolge funzioni sull'apparato digerente: gastriti croniche e coliti; atonia gastrica; coliche intestinali; pesantezza post-prandiale e generalmente elimina l'alitosi - (contro le carie masticare un chiodo di garofano).

    AVVERTENZE

    Secondo la Pharmacopea internazionale e popolare le erbe utilizzate per la sopra indicata tisana non presentano contro indicazioni. Ogni abuso riguardo il dosaggio della tisana può essere in sé una contro indicazione. Tenere lontano dai bambini. Non assumere in caso di gravidanza o allergia conclamata alle erbe del composto. Conservare in luogo asciutto e fresco, possibilmente chiudendo ermeticamente il sacchetto della confezione originale. In alternativa in vaso di vetro preferibilmente in luogo buio.

     


    Riferimenti Bibliografici