Promozione Sconto 5€ sul primo acquisto! Codice Coupon: BENVENUTO01
Carrello 0
0
CARRELLO
PROFILO

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

STANE FS 3

9,80

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello

Spedizione prevista entro 5gg lavorativi dalla ricezione dell'ordine.

SKU Tisana 70
Spese di spedizione: GRATIS
Consegna prevista entro Lunedì 26/02


L'antica tradizione erboristica ci ha insegnato l'estrazione dei principi attivi dalle piante mediante infusione in acqua ed il loro impiego per un quotidiano gesto di benessere. Tisana contro gli stati anemici.

EFFETTI Combatte stati anemici (tonificante).
INDICAZIONI
MODO D'USO Decotto, dose standard: Un cucchiaio della miscela in ¼ di acqua. Far bollire lentamente per tre minuti. Lasciar riposare con coperchio per cinque minuti. Filtrare. Il liquido ottenuto va consumato in giornata. Aumentare o diminuire la dose a seconda della necessità.
INGREDIENTI Tisana a base di Centaurea, Fieno Greco, Ortica e Issopo.



 

VUOI SAPERNE DI PIU'?

INGREDIENTI

  • Centaurea: «La centaurea in infuso presenta un intenso sapore amaro, capace di stimolare l'appetito e di favorire la digestione; inoltre, entra nella composizione di liquori e tisane digestive previste anche dalla Farmacopea. La centaurea è indicata in presenza di anoressia (scarso appetito), atonia gastrica, dispepsie, febbre e patologie del fegato e della colecisti. La tradizione popolare ascrive alla centaurea anche proprietà depurative epato-biliari, che la renderebbero piuttosto utile in presenza di ittero ed iperuricemia. Ben documentata anche l'azione antipediculosa (l'infuso di centaurea per uso esterno è utile contro i pidocchi).» Per la salute: « Tonica, amaro, stomachica, utile nelle dispepsie atoniche, si usa come amaro tonico per riattivare la funzione e la motilità digestiva, stimola l'appetito, l'attività epatica, e la secrezione gastrica, attiva la mobilità dello stomaco, è febbrifuga, utile contro il virus dell'influenza, ha una blanda azione purgativa è di aiuto in caso di sciatica e gotta, è antinfiammatoria e antiartritica, ha anche proprietà analgesiche, antipiretiche, utile nella itterizia per facilitare la eliminazione della bile, è una pianta che si può usare in chi ha il fegato che non gli funziona bene. Usata anche come Amaro Tonico, per riattivare la secrezione e la motilità delle vie digestive legate a cronica atonia gastrointestinale, che si manifestano con difficoltà digestiva, inappetenza, dispepsia dolorosa, meteorismo, e aggravio epatico, stimola l'appetito, la motilità la secrezione gastrica. Le sostanze amare sono in grado di provocare con il semplice contatto della mucosa orale, a stimolazione dei recettori gustativi localizzati nella lingua, che determina un aumento della secrezione gastrica grazie ad un meccanismo nervoso riflesso, gli amari in genere aumentano la quantità del succo gastrico stimolano le funzioni digestive, invogliano al cibo e migliorano la digestione delle sostanze ingerite, la centaurea come altri amari va somministrata mezz'ora prima dei pasti e sorseggiati lungamente per permettere di sviluppare l'azione riflessa attraverso la stimolazione dei ricettori gustativi, non ha la stessa efficacia se somministrate in pillole, o polveri o compresse, in quanto si impedirebbe il contatto con la mucosa orale. La pianta manifesta una blanda azione purgativa in seguito ad una modesta stimolazione della mucosa gastroenterica, quindi va sottolineato che un uso scorretto della pianta può provocare irritazione delle vie digestive con vomito e diarrea, utile nel virus dell'influenza, in quanto attacca gli organi gastrointestinali e l'apparato digerente, stimolando l'appetito, aumenta il tono dell'organismo e le sue reazioni di difesa, utile nella sciatica e nella gotta, antiartritica, l'estratto acquoso ha proprietà antinfiammatorie, analgesiche, antipiretiche, analgesiche. Utile nell'itterizia per eliminare la bile per mezzo dell'intestino utile a chi ha il fegato che non gli funziona bene, ottimo tonico.» Interazioni: «Possibile aumento della gastrolesività dei FANS.»

  • Fieno greco: «Il fieno greco era utilizzato nella medicina popolare per combattere parassiti intestinali o come epatoprotettore e galattogogo (favorente la lattazione). Il fieno greco è da sempre conosciuto ed apprezzato come 'ricostituente', antianemico, anabolizzante ed antiulcera, ipolipemizzante ed ipoglicemizzante. L'azione ipoglicemizzante del fieno greco è modesta, e comunque da attribuire non solo alle fibre. L'attività tonico-stimolante è invece sfruttata nella prevenzione e nella cura delle magrezze degli adulti e dei bambini. La farina di fieno greco, in cataplasmi, viene utilizzata dalla tradizione popolare contro foruncoli, ulcere delle gambe e pelle grassa ed impura. Nella moderna fito-cosmesi, il fieno greco trova spazio in prodotti rassodanti, emollienti, antismagliature ed antirughe. » Per la salute: « Il fieno greco possiede proprietà rimineralizzanti che lo rendono efficace nella cura dell'osteoporosi. Per capirci meglio, l'osteoporosi è una rarefazione della massa ossea, uno degli aspetti naturali dell'invecchiamento del corpo, ma può anche presentarsi come una vera e propria malattia che può causare cedimenti o fratture spontanee soprattutto delle vertebre della colonna e dei femori quando la complessiva massa ossea (valutata nell'infanzia intorno al 25%) scende sotto l'11% dell'intera massa corporea. I principali fattori di rischio di osteoporosi nelle donne sono generalmente l'eccessiva diminuzione degli estrogeni in fase di pre-menopausa, menopausa precoce o provocata da interventi chirurgici, dieta povera di calcio, dieta eccessivamente proteica, abuso di alcol e fumo di sigaretta, vita sedentaria. » Interazioni: «Possibile sommazione di effetti con ipoglicemizzanti orali e potenziali interazioni con terapie ormonali ed anticoagulanti.»

     

  • Ortica: «L'ortica è tra le piante selvatiche sicuramente la più apprezzata. Sia l'Urtica dioica che l'Urtica urens sono utilizzate per le loro proprietà. È una pianta ricca di vitamina C, clorofilla, sali minerali (silicio, ferro, calcio, manganese e potassio), carotene, acido formico, acido gallico, acido folico, tannino, istamina, acetilcolina. Grazie ai suoi componenti l'ortica è una pianta emostatica, antireumatica, cicatrizzante, vasocostrittrice e antiflogistica. » Per la salute: « L'ortica può essere usata come decotto, come succo, come infuso, sciroppo o semplicemente cruda come disintossicante, depuratore e tonico dell'organismo aiutando ad eliminare gli acidi urici, nelle affezioni intestinali, per l'artrite, per l'anemia. Ha inoltre un forte potere emostatico e antiemorragico e astringente intestinale. Utilizzando esternamente il succo fresco combatte la perdita dei capelli e rinforza il cuoio capelluto. È molto efficace in caso di seborrea, forfora, acne ed eczema. Cataplasmi delle foglie di ortica sbollentate e tritate sono ottime per le irritazioni cutanee e per le ferite in quanto ha un effetto cicatrizzante. » Interazioni: «Diuretici Farmaci ipoglicemizzanti Sedativi del SNC Farmaci ipotensivi Le interazioni sono teoricamente possibili in relazione alle attività farmacologiche dimostrate.»

  • Issopo: «Le sommità fiorite dell'issopo contengono flavonoidi, tannini, sostanze amare (marrubina) e un gradevolissimo olio essenziale, responsabile della maggior parte delle sue proprietà balsamiche ed espettoranti per le vie respiratorie. In fitoterapia si utilizza per sedare la tosse e gli attacchi d'asma, perché fluidifica e aiuta a eliminare il catarro soprattutto dei bronchi e dei polmoni. Sempre grazie all'olio essenziale possiede proprietà digestive: stimola la secrezione dei succhi gastrici, favorisce i processi digestivi, elimina i gas intestinali. La presenza dei flavonoidi conferisce all'issopo un'azione diuretica e antisettica per le vie urinarie, in grado di aumentare la diuresi e mantenere libero da batteri il condotto urinario, utile nelle infezioni batteriche e infiammazioni, come la cistite.»

PROPRIETÀ

  • RICOSTITUENTE
  • ANTIANEMICO
  • ANABOLIZZANTE ED ANTIULCERA
  • IPOLIPEMIZZANTE ED IPOGLICEMIZZANTE-TONICO-STIMOLANTE
  • DIURETICADISINTOSSICANTE DEPURATORE E AMARO- STOMACHICO UTILE NELLE DISPEPSIE ATONICHE ANTINFIAMMATORIA ANTIARTRITICA
  • ANALGESICA
  • FEBBRIFUGA
  • INDICAZIONI

    Combatte gli stati anemici riattivando la funzione e la motilità digestiva, stimola l'appetito, l'attività epatica, e la secrezione gastrica, utile nella prevenzione e nella cura delle magrezze degli adulti e dei bambini. Disintossicante, depuratore e tonico dell'organismo, delle affezioni intestinali, per l'artrite. Ha inoltre un forte potere emostatico e antiemorragico e astringente intestinale. Combatte il virus dell'influenza, ha una blanda azione purgativa è di aiuto in caso di sciatica e gotta, mantiene il benessere di tutto l'organismo.

    AVVERTENZE

    Secondo la Pharmacopea internazionale e popolare le erbe utilizzate per la sopra indicata tisana non presentano contro indicazioni. Ogni abuso riguardo il dosaggio della tisana può essere in sé una contro indicazione. Tenere lontano dai bambini. Non assumere in caso di gravidanza o allergia conclamata alle erbe del composto. Conservare in luogo asciutto e fresco, possibilmente chiudendo ermeticamente il sacchetto della confezione originale. In alternativa in vaso di vetro preferibilmente in luogo buio.

     


    Riferimenti Bibliografici